RMINFO


No.. è che me ce viè da pensà...

Categoria editoriale: Scritto dagli utenti

Ahhh quanto se stava bene sotto ar portico de zia, l'aria fresca pulita, e poi a giocà a core sulla via.
Eggià quann'ero regazzino.. er traffico era diverso, io non me so mai perso..
dietro a code de tre ore.. che si ce penso adesso che pe fa du metetri campa cavallo, .. me piagne er core.
Sarà che'eravamo pischelli,  ma tutto era più bello, me piaceva pure la pioggia co l'ombrello...
Me ricordo mi madre pora donna,  che pe fammè magna s'arzava presto e si pioveva s'enzaccherava sulla gonna.
Oddio, a scola ce so ito, ma non è che fossi un buon partito.. non me piaceva la matematica,  l'odiavo e l'itgliano.. me storceva..
Mo non è che sia cambiato tanto, me diverto a scrive si ma cor rimpianto..  che pe vive mo te devi d'allungà o fatte santo.
Na vorta pane o ojo, du pomidori.. che mo co sti faste food si te dice bene so dolori.. de panza intendo e che hai capito...
Noo no sto a puntà er dito famme di, che n'a vorta ce bastava poco mo volemo er gran gurmì...
Aho, me ricordo carosello e du canali, se vedevamo a televisione in comitiva, l'immagine sbiadiva, arisò dolori...
ma infondo in bianco e nero sfumano, mo so mille i canali e pure  a colori...
C'avemo mille de tutto e non ce famo un cazzo... e cercamo mille posti pe non buttà la monnezza dar terazzo..
Ma guarda che la monnezza semo noi è fija nostra, Roma mia bella, vestita de stracci puzzi  e pe pulitte fanno giostra..
Me ricordo li scopini .. co le scope de saggina, raspavano per tera de prima matina.. li sentivi fischettà o cantà stornelli..
Mo  li senti bestemmià e coi rastrelli cercheno de raccattà st'infamità.
Ma basta de parlà de cose tristi, Roma sei bella sempre solo ch'esisti, la gente te Ama pe quello che sei,   non semo fiji tristi..
solo che  a vorte capita. che... no è che me ce viè da pensà a come se semo ridotti...famo li botti diec'ore ar giorno, magnamo tutto
senza contorno, c'avemo fretta de fa, che poi de fa che non se sa mai bene, non c'avemo tempo pe du carezze e du bacetti
figurasse a sta co li regazzini nostri stretti stretti... Mo tra cellulari e videogiochi se se ricordeno de te è perchè hanno tirato su la capoccia dallo schermo
Che c'ho visto gente sfragnese sui lampioni pe non sta fermo.. che ne so mentre che chatti... ndo cazzo vai che sicuro sbatti ...
Comunque pe finilla te dico na cosa,  e guarda che posso abbajà ma de sicuro non te mordo...
Na' vorta non c'avevamo un sordo ma stavamo senza pensieri,  mo c'avemo li pensieri senza un sordo...

Stefano Valle
Roma 09/07/2019
Riproduzione riservata

Foto di andreas160578 da Pixabay



Scritto da: Enki EA


Condividi via

Come utente registrato puoi:
•Inserire articoli a tuo piacere
•Inserire post in bacheca
•Inserire materiale audiovisivo
Cosa aspetti è gratis!
informativa sulla pubblicazione di contenuti personali